Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: MARÍA LO, IL VIAGGIO DALLA CUCINA DI PADRE A MASTERCHEF

MARÍA LO, THE JOURNEY FROM FATHER'S KITCHEN TO MASTERCHEF -  chefscotton

MARÍA LO, IL VIAGGIO DALLA CUCINA DI PADRE A MASTERCHEF

Incontra María Lo, una talentuosa chef spagnola che si è fatta un nome nel mondo culinario. Il suo amore per la cucina nasce in giovane età, ispirato dal padre, che le ha insegnato ad apprezzare gli ingredienti di buona qualità e l'arte della cucina. La passione di María per la cucina l'ha portata a diventare una vincitrice di Masterchef Spagna, cosa che le ha aperto molte opportunità. In questa intervista, María condivide la sua filosofia culinaria, le sfide che ha affrontato come chef donna e consigli per aspiranti chef.


Cosa ti ha spinto a intraprendere una carriera in cucina e quando hai realizzato per la prima volta la tua passione per questo?

Il mio amore per la cucina è iniziato quando ero molto giovane. Ricordo che mio padre, che era quello che abitualmente cucinava in casa, era molto organizzato in cucina. Mi ha insegnato ad apprezzare gli ingredienti di buona qualità (ne sapeva molto). La mia passione per la cucina deriva interamente da lui, poiché ha espresso il suo amore attraverso la cucina e mi ha dato l'opportunità di assaggiare le parti migliori del pesce, della carne, ecc., spiegando sempre le ragioni dietro le cose.



Che impatto ha avuto la vittoria di Masterchef Spagna sulla tua carriera e quali opportunità ti ha aperto?

Vincere Masterchef Spagna mi ha cambiato completamente la vita. Anche se ho sempre voluto dedicarmi alla cucina perché era la mia passione, non ho mai fatto il passo perché ho deciso di studiare qualcos'altro che fosse più che "essere semplicemente un cuoco" (mio padre voleva che studiassi qualcosa come legge, ingegneria, medicina, ecc.). Vincere Masterchef mi ha dato la possibilità di dedicarmi a ciò che amo di più, ovvero cucinare. Ho potuto studiare presso la migliore scuola di cucina, il Basque Culinary Center, e ho creato un profilo di contenuti gastronomici su Instagram che è ben accolto e funziona in modo fenomenale. Nel 2024 pubblicherò un libro di ricette e ho in mente altri progetti che gradualmente si realizzeranno.

 

María Lo: Dalla cucina di papà alla corona di MasterChef

Cosa distingue il tuo stile culinario dagli altri e come descriveresti la tua filosofia culinaria?

Per me è molto importante la qualità degli ingredienti e l'applicazione dei metodi di cottura adeguati per ciascun prodotto. Il rispetto degli ingredienti è fondamentale. Faccio cucina tradizionale con un tocco personale. Ricette classiche, ma con un tocco in più. Inoltre, mi piace che in una ricetta tutto sia cucinato "da zero". Cioè, se devo preparare un taco o una brioche ripiena di qualcosa, lo preparo io stesso. Non mi piace comprare articoli già pronti quando posso realizzarli da solo.


Potresti condividere con noi uno dei tuoi piatti caratteristici e l'ispirazione dietro di esso?

Sebbene sia uno dei piatti spagnoli più tipici, adoro preparare la tortilla de patatas (frittata di patate). Sembra semplice, con soli tre ingredienti (uovo, patata, cipolla), ma come tutti i piatti apparentemente semplici richiede tecnica e tempismo perfetto. Un altro dei miei piatti preferiti sono le polpette al vino rosso e salsa di cipolle caramellate, così come le tortillitas de camarones (frittelle di gamberetti), un piatto tipico di Cadice, da dove provengo.


Come ti avvicini allo sviluppo di nuove ricette e com'è il tuo processo creativo? 

Amo scoprire piatti molto tradizionali di luoghi diversi, imparare a realizzarli nel modo più puro e poi aggiungere il mio tocco, aggiungendo alcuni elementi complementari o creando un nuovo piatto basato su quella base tradizionale. Penso che sia bello lasciare sapori che evocano e ricordano la tradizione ma che allo stesso tempo hanno un tocco diverso che sorprende.

 

María Lo: Dalla cucina di papà alla corona di MasterChef

Quali sfide hai dovuto affrontare come chef donna in un settore dominato dagli uomini e come le hai superate?

Mi sono dedicato al settore dell'ospitalità per tutta la vita, infatti ho studiato gestione alberghiera e mi sono specializzato in F&B e banchetti. Per diversi anni sono stato responsabile operativo di eventi e, ovviamente, ero l'anello di congiunzione tra la cucina (di solito guidata da uomini) e la sala, che gestivo. C'è sempre stata una situazione particolare quando si lavora con gli uomini. Molte volte ho dovuto fingere di saperne meno di loro per dare loro la certezza di essere loro a comandare (sì, un po' triste), ma a volte era l'unico modo per assicurarmi che l'evento andasse liscio e potessi fare bene il mio lavoro . Nelle professioni generalmente dominate dagli uomini, le donne hanno sempre dovuto avere i propri strumenti per poter svolgere bene il proprio lavoro. Fortunatamente, questo è qualcosa che sta cambiando, ma c'è ancora molta strada da fare.


Che consiglio daresti agli aspiranti chef, soprattutto donne, che vogliono farsi un nome nel mondo culinario?

Penso che sia estremamente importante essere fedeli a noi stessi. Crediamo in noi stessi, in ciò che possiamo apportare in modo unico e personale. Penso anche che le donne abbiano un ottimo istinto e, nel mio caso, ho imparato che ogni volta che il nostro istinto ci invia segnali, dobbiamo ascoltarli.


Quanto è importante per te utilizzare ingredienti locali, stagionali e sostenibili nella tua cucina e qual è la tua filosofia sull'approvvigionamento alimentare?

Per me è fondamentale utilizzare ingredienti locali. Credo che gli chef abbiano una responsabilità molto importante, che è quella di prendersi cura dell'ambiente e della natura e rispettare i tempi di ogni cibo. Da un lato valorizza i prodotti stagionali di ogni luogo, dall'altro gli stessi prodotti consumati nella stagione giusta sono molto più gustosi e saporiti, il che rende i piatti ricchi di sapore.

< /span>

Quali sono i tuoi progetti per il futuro, sia in termini di carriera che di vita personale

La mia idea è sempre stata quella di aprire un ristorante e tornare nel luogo in cui sono nato, Chiclana de la Frontera (Cadice-Andalusia). Questo è un progetto a lungo termine, ma lo ho sempre come obiettivo.

 

Qual ​​è il tuo obiettivo finale come chef e quale eredità speri di lasciare attraverso il tuo lavoro culinario?

Il mio obiettivo principale con le ricette che condivido è che le persone che non sono cuoche sappiano da dove vengono le cose, le buone materie prime, come cucinare in modo tradizionale e capirlo cucinare a casa può essere semplice, delizioso e gustoso.

Altro María Lo su Instagram

Vorresti condividere con noi le tue avventure o esperienze culinarie? Per favore, faccelo sapere.

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Per saperne di più

EXPLORING THE FUTURE OF FOOD: THE IMPACT OF CHAT GPT ON GASTRONOMY -  chefscotton

ESPLORANDO IL FUTURO DEL CIBO: L'IMPATTO DI CHAT GPT SULLA GASTRONOMIA

La gastronomia, l'arte e la scienza del cibo, è sempre stata oggetto di interesse per molti. Con l'avvento della tecnologia e dell'intelligenza artificiale, il campo della gastronomia viene ora ri...

What Is The Best Chef Jacket For You? -  chefscotton

Qual è la migliore giacca da cuoco per te?

Come ogni chef professionista sa, trovare la giusta La giacca da cuoco è fondamentale per garantire comfort, funzionalità e un senso di orgoglio professionale in cucina. Ma con così tante opzioni ...